Phinney punta al ritorno del Tour de France dopo che gli sponsor hanno salvato la squadra

Phinney punta al ritorno del Tour de France dopo che gli sponsor hanno salvato la squadra Posted on gennaio 30, 2018Leave a comment

Taylor Phinney si appresta a tornare al Tour de France dopo il suo debutto di alto profilo nel 2017, e in stile tipicamente anticonformista sta anche meditando di attraversare la Siberia alla fine di quest'anno con Gus Morton, compagno e avventuriero professionista.

Phinney è stato uno dei nomi più noti della squadra di Jonathan Vaughters, ora noto come EF Education First-Drapac p / b Cannondale, la cui carriera futura è stata brevemente in bilico dopo che i timori di sponsorizzazione hanno quasi affondato l'attrezzatura americana autunno.

Il Coloradan, tuttavia, ha mantenuto la calma. "Non sono mai così tanto ansioso, dopo aver riconosciuto che c'è molto di più fuori da questo sport", ha detto Phinney parlando a Cyclingnews a Girona, in Spagna. "Ma volevo dare a Jonathan e alla squadra la possibilità di salvare le cose. Non stavo per andare da nessun'altra parte, quindi l'ho solo aspettato."

Forse non sorprende, data la precarietà della situazione della squadra, Phinney è Entusiasmato dai suoi nuovi sponsor.

"Molte squadre ciclistiche sono sponsorizzate da miliardari o da sponsor con denaro di cui non si sa veramente da dove proviene, o denaro della lotteria. Mi piace che stiamo promuovendo l'istruzione e corre parallela a pensieri che ho avuto sul tornare al college quando finisco le corse. "

Il programma di primavera del 27enne include gare ad Abu Dhabi, la Strade Bianche, la Tirreno-Adriatico, la Milano-Sanremo , oltre a tutti i classici belgi fino a Parigi-Roubaix. Dopo di che tornerà negli Stati Uniti per correre nel Tour of California, prima di utilizzare il Tour de Suisse come suo ultimo riscaldamento prima di iniziare il suo secondo Tour de France.

Phinney si è vantato di aver fatto il suo debutto lo scorso luglio Tour, in cui il suo compagno di squadra colombiano Rigoberto Uran è arrivato secondo assoluto a Parigi, a Chris Froome.

"Onestamente, mi sembrava la gara più naturale e più comoda di tutta la mia carriera, come alla fine ce l'avevo fatta questa gara che ho sempre voluto fare ", ha detto.

" Mi sono sempre sentito più a mio agio in queste situazioni. Ho amato le Olimpiadi per la stessa sensazione. So che devo essere al meglio ed è lo stesso del Tour. E abbiamo avuto un fantastico Tour in squadra. "

Ma come molti dei suoi colleghi è stanco e diffidente delle crescenti tensioni sull'Adverse Analytical Finding di Chris Froome per il salbutamolo e la mancanza di progressi con la risoluzione del caso, che ora sta minacciando di continuare fino all'estate.

"Ovviamente tutti erano delusi (dalle notizie)," disse stancamente Phinney. "Stessa vecchia merda, va bene in bicicletta …?"

"Avevo questa idea che volevo uscire e filmare me stesso prendendo 32 sbuffi di salbutamolo e vedere cosa è successo, sai – vedi cosa sarebbe una dose doppia di salbutamolo? sentirsi come, ma non è proprio il mio stile.

"Conosco Chris Froome da molto tempo. Non lo vedo – e ho parlato con altri cavalieri di questo – come qualcuno che è, quot-unquote, un 'doper.'

"Questa notizia viene fuori e poi tutti sono in un limbo. pensare, e ciò che uccide lo sport è la meraviglia e le persone che si alzano in aria, è la stessa vecchia merda, ma tutto lo sport viene sfregato nella maggior parte del tempo a causa della storia ", ha continuato Phinney. "Ma non si applica a me e non si applica alla nostra squadra."

L'americano era scettico sulla richiesta di Romain Bardet per il gruppo di mostrare più solidarietà nel prendere una posizione sul caso Froome. "Abbiamo così tante persone diverse provenienti da così tante culture diverse con così tante opinioni forti, che è ciò che rende il ciclismo bello da vedere, ma rende molto difficile per noi prendere decisioni insieme", ha detto.

"Voglio solo usare quello che devo correre bene nelle gare in cui voglio correre bene, ma poi andare e fare qualcos'altro – creare contenuti, ispirare persone che non hanno idea di chi sia Chris Froome e portare la moto di più nel mondo e condivido il mio amore personale con la moto, invece di rimanere bloccato in questo ciclo interminabile di test del pilota del Tour de France positivi. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *